In ricordo del nostro Presidente Carlo Colognese

Caro Carlo,

la morte ci coglie sempre impreparati e quando questa colpisce in maniera improvvisa ed inattesa e per di più una persona tanto cara come te, il dolore, lo sbigottimento ed il senso di impotenza rischia di sopraffarci.

Non riusciamo ad immaginare come sarà d’ora in poi la nostra vita personale ed associativa senza di te, senza la tua guida, senza la tua presenza e la tua pazienza, senza la tua voce e le tue telefonate, senza la tua capacità di analisi, senza la tua saggezza e la tua disponibilità, senza la tua bontà d’animo ed il tuo impegno sociale e civile disinteressato, senza le tue passioni per le arti, la storia e la conoscenza tutta, senza le tue critiche costruttive e anche senza quel tuo “pessimismo della ragione” che a volte ti rendeva cupo, a cui però hai sempre contrapposto e fatto prevalere “l’ottimismo della volontà”.

È grande e preziosa l’eredità che ci lasci e grande ed impegnativa è la responsabilità che ora noi ci dobbiamo assumere per raccogliere il tuo testimone e non rischiare di disperdere tutto quel patrimonio di relazioni umane e di beni immateriali che Alchimia nei 20 anni della sua storia ha saputo costruire. Che il tuo esempio ci dia la forza ed il coraggio per andare avanti e proseguire il cammino sulla strada fin qui percorsa insieme a te.  

Ci mancherai, ma ci piace pensare che ora finalmente ti sei potuto ricongiungere con la tua tanto amata Enrica. D’ora in avanti suoneremo e canteremo per voi e con voi.   

Paolo & C.O.S.M.I.C. Sband

_____________________________________________________________________________________

«Siamo una cosa sola e quando qualcuno ci lascia un pezzo di noi se ne va con lui».

Queste parole di Carlo Colognese,  scritte per la morte di una persona a me cara, mi sono tornate in mente proprio nel momento della sua repentina ed inaspettata scomparsa. E sì Carlo, la tua morte ha strappato con violenza un pezzo di Alchimia, soci, amici e conoscenti. Nessuno, io per primo,  si è ancora reso conto coscientemente che tu non ci sei più ad aiutarci con la tua sapienza e con le tue profonde conoscenze della vita politica e sociale.

Il tuo impegno di presidente nella vita associativa, che in alcuni momenti ti costava perché  non ti permetteva di volare sulle ali dell’amata letteratura,  ha dato tanto ad ognuno di noi. Sapremo trovare le forze e la sapienza per continuare? Lo spero anche se la tua mancanza rende la vita di Alchimia durissima se non impossibile.

Arturo

I commenti sono chiusi