L’inclusione è sempre viva

In un contesto naturale lussureggiante, rigoglioso, verdeggiante abbiamo ripreso, sabato 26 ottobre al Campo di calcio dei Rogazionisti a Grottaferrata, l’abitudine di giocare a calcio tenendo insieme nell’uguaglianza e nel divertimento i ragazzi delle Associazioni del territorio che hanno ormai consolidato la loro partecipazione. Abbiamo giocato per un’ora all’insegna di un buon calcio nonostante eravamo numerosi arrivando a 27 persone che sul campo di calcio si sono adoperati per dare un contributo con il loro impegno alla finalità sociale per cui facciamo queste partite.
Finalità sociale che vede tutti dai ragazzi, dagli operatori dal mister e dalla Società Sportiva Dilettantistica “Vivace Furlani 1922” impegnati a trovare quella umiltà e quella fiducia che ci permette di rispettare e farci rispettare e ci dà la possibilità di mettersi al servizio dei compagni di squadra.
Abbiamo avuto la presenza in campo di una ragazza e di un piccolo bimbo di 9 anni, vezzeggiato come “il piccolo Lorenzo”  ed inoltre la presenza come arbitro imparziale il giovane Camillo che dalla sua sedia a rotelle a torso nudo ha diretto la partita finita in pareggio 3 a 3.
Che queste iniziative di fare partite di calcio siano positive è sottolineato dal continuo interessamento da parte dei ragazzi sul sapere quando ci sarà la prossima partita.

L’INCLUSIONE È SEMPRE VIVA.

M. P.

I commenti sono chiusi